Per quanto riguarda viaggi, voli e gite scolastiche vale quanto segue:

 VIAGGI

Se è stato prenotato un viaggio, versando una caparra per la prenotazione, ma, in ragione dei provvedimenti di legge in vigore, sarà impossibile partire.

La prestazione alberghiera promessa, in ragione della normativa emergenziale in vigore, è divenuta impossibile. 

Se vi è ancora interesse ad effettuare il viaggio in futuro si può chiedere all’albergo di spostare la prenotazione  l’albergo non è tuttavia tenuto a farlo; se, al contrario, è venuto meno l’interesse al viaggio, si può invocare una causa di impossibilità sopravvenuta definitiva della prestazione e pretendere dall’albergo la restituzione dell’importo pagato come caparra.

Per fare richiesta di rimborso bisogna inoltrare una comunicazione all’albergatore, all’agenzia di viaggi o alla compagnia area, in cui richiede il rimborso del costo sostenuto, allegando copia del titolo di viaggio. La  comunicazione deve essere presentata entro 30 giorni dall’annullamento, sospensione o rinvio dell’evento programmato o dalla data prevista per la partenza verso un Paese in cui è stato imposto un divieto di ingresso. Entro i successivi 15 giorni dall’effettiva ricezione della richiesta, il destinatario della domanda deve provvedere al rimborso della somma erogata, oppure all’emissione di un voucher di pari importo, che dovrà essere utilizzato entro un anno dall’emissione.

VOLI

Nel caso di volo cancellato per divieto di ingresso di cittadini italiani, il vettore ha quindici giorni dalla richiesta del consumatore per rimborsare ovvero emettere un voucher di pari importo  da utilizzare entro un anno dall’emissione. La scelta è della compagnia aerea.

In caso di cancellazione del volo per decisione autonoma della compagnia, invece, il passeggero ha diritto ai rimborsi o alla possibilità di riprogrammare il volo in un’altra data a sua scelta, a seconda della disponibilità di posti, allo stesso prezzo già pagato.

GITE SCOLASTICHE

Il decreto ha sospeso fino al 3 aprile tutte le gite, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche organizzate dalle scuole, sia sul territorio nazionale sia all’estero. Per tutti questi casi valgono le stesse norme in vigore per i pacchetti turistici e, in più, il rimborso può essere effettuato dall’agenzia viaggi o anche mediante l’emissione di un voucher di pari importo da utilizzare entro un anno dall’emissione.


Our Staff

 Giambattista Mazzei
Presidente Regionale
presidente@ ...
 Otello Carrieri
Vice Presidente Regionale
postmaster@ ...
 Mauro Aliano
Vice Presidente Regionale
mauroaliano@ ...
Grazia Maria Moramarco
Responsabile Tecnico
moramarco@ ...
 
Feed non trovato
Feed non trovato